Palcoscenico sonoro: cos’è, come si ottiene (Parte I). Soundstage: what it is, how do you get it (Part I).

Sarà capitato anche a voi…. non di avere una musica in testa , ma di sentir parlare da qualche amico audiofilo di palcoscenico sonoro. Magari a casa vostra, subito dopo che avete installato un nuovo impianto hifi, per sottolineare che non lo possedete! Ansia, orrore e raccapriccio vi stanno cogliendo? Oppure siete tra coloro poco interessati alle questioni riguardanti la riproduzione sonora? Se rientrate nella seconda categoria abbandonate pure la lettura di questo post, se invece un piccolo tarlo vi sta rodendo qui di seguito una piccola spiegazione e poche semplici regole da seguire dovrebbero permettervi di risolvere il problema.
One day will happen to you: hearing an audiophile friend talking about by sound stage. Maybe in your home, immediately after you installed a new stereo system, to emphasize that you do not have one! Anxiety, horror and disgust are taking you? Or are you one of those absolutely not concerned about the sound reproduction? If you fall into the latter category you may abandon to reading this post, but if you are interested in improving your sound sistem a short explanation and a few simple rules to follow should allow you to solve the problem.

Cos’è il palcoscenico sonoro innanzitutto. E’ il modo in cui un impianto correttamente posizionato ricostruisce un’immagine virtuale dell’orchestra di fronte ai vostri occhi…. o forse è meglio dire orecchie? Come potete immaginare si tratta di una sorta di inganno che la stereofonia perpetra a nostro vantaggio e piacere. Naturalmente per ottenere il miglior risultato dovrete partire da una registrazione particolarmente riuscita in questo parametro e riprodurla in un impianto ottimizzato al bisogno. Per compiere quest’ultima operazione vi serviranno:
Un buon pomeriggio di pazienza
Una registrazione monofonica di buona qualità
Una registrazione stereo di buona qualità
First of all: what is the sound stage? It’s the way in which a Hifi sistem correctly settled reconstructs a virtual orchestra in front of your eyes …. or perhaps I should say ears? As you can imagine, this is a kind of deception that stereophonic sound perpetrates to our advantage and pleasure. Of course, to get the best result you will have to start from a recording particularly successful in this parameter and reproduce it in an optimized system as needed. To perform this latter operation you will need:
A good afternoon of patience
A monophonic recording of good quality
A stereo recording of good quality

Cominciamo con il posizionamento delle casse nell’ambiente d’ascolto: se come me non avete una stanza adibita al solo scopo di fungere da sala d’ascolto dovrete per forza di cose venire a dei compromessi!
L’ideale sarebbe sistemare le casse di fronte a voi ad un’altezza da terra che corrisponda grosso modo alla posizione delle vostre orecchie seduti nel punto di ascolto, a una distanza di circa 30/ 40 centimetri dalla parete posteriore e formando tra loro e voi un triangolo isoscele.
posizione-monitor
Let’s start with the positioning of the loudspeakers in the listening room: if, like me, you do not have a room for the sole purpose of listening room, you will inevitably come to a compromise!
The ideal would be to arrange the boxes in front of you at a height from the ground that corresponds roughly to the position of your ears sitting in the listening point, at a distance of about 30/40 inches from the rear wall and forming between them and you an isosceles triangle.

Per il momento lasciatele dritte! Ora inserite nel lettore il Cd monofonico e girate la manopola del balance in una delle due direzioni per escludere una delle due casse. Tornate a sedervi e ascoltate con attenzione il suono che esce dalla cassa superstite. Cercate di “vederlo” con la vostra mente. Alzatevi e girate la cassa verso il centro fino a che il suono da essa prodotto copra lo spazio fino a metà strada tra le due casse.
Invertite completamente il balance e fate lo stesso anche con l’altra.
Compiuta anche questa operazione centrate correttamente il balance e tornatevi a sedere nel vostro punto di ascolto: la vostra fonte sonora principale (è per questo che preferisco usare una registrazione monofonica) dovrebbe essere dritta di fronte a voi! Se così non fosse…. tutto da capo , ancora una volta, con sentimento!
monitor hot spot
Let them straight for the moment! Now insert the monophonic recording in the CD player and turn the balance knob in either direction to exclude one of the two loudspeakers. Come back and sit down and listen carefully to the sound that comes out of the surviving speaker. Try to “see” the sound with your mind. Get up and turn the body of the speaker towards the center until the sound produced by it fills the space until halfway between the two speakers.
Completely reversed the balance and do the same with the other.
Also accomplished this task centered properly the balance and comeback to sit in your listening point: your main sound source (which is why I prefer to use a monophonic recording) should be straight in front of you! If not …. do all over again, once again, with feeling!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...